Press "Enter" to skip to content

Progettare database in modo professionale (Parte 2)

Se non hai letto la prima parte dell’articolo puoi leggerla qui

Dopo aver fatto l’analisi del nostro problema e aver stabilito i punti fondamentali passiamo alla realizzazione del modello E/R. Per il nostro modello abbiamo due entità:

– squadra
– calciatore

L’associazione che esiste tra queste due entità è di tipo uno a molti poichè una squadra è costituita da N calciatori ed N calciatori costituiscono una squadra.

modello E/R
modello E/R

A questo punto possiamo ottenere il modello logico dei dati, e cioè, si può definire la struttura degli archivi. Il modello logico si ricava applicando le seguenti regole di derivazione:

– Ogni entità diventa un archivio
– Ogni attributo di un entità diventa un campo del record
– L’identificatore univoco di un’entità diventa la chiave primaria nel record
– L’identificatore univoco dell’entità di partenza della nostra associazione uno a molti diventa chiave esterna dell’entità di arrivo associata (cioè diventa un campo nel record del secondo archivio)

Ecco i nostri archivi:

1) Squadra

– ID (chiave primaria) (numerico)
– Nome (stringa)
– Presidente (stringa)
– Anno di fondazione (numerico)
– Città (stringa)

2) Calciatore

– ID (chiave primaria) (numerico)
– Nome (stringa)
– Cognome (stringa)
– Data di nascita (stringa)
– Ruolo (stringa)
– ID_SQUADRA (chiave esterna) (numerico)

Questo problema era molto semplice e solo di esempio, ovviamente, per problemi piccoli o grandi che siano bisogna sempre progettare il database in modo professionale e non lasciare nulla al caso (questo vale anche nella progettazione del software ovviamente).

Cosa non abbiamo detto? Per realizzare il database usiamo MySQL, Oracle, Microsoft Access?

La scelta sta a voi, in base alle vostre esigenze. Io, per esempio, per web applications uso MySQL poichè lavoro allo sviluppo software utilizzando PHP come linguaggio e Apache come Web Server. Se dovessi usare ASP o VB potrei optare per SQL SERVER o anche per un semplice file Access se si tratta di una piccola applicazione desktop.

A voi la scelta quindi 😉

Condividi l'articolo con i tuoi amici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *