jQTouch: applicazioni per iPhone con un plugin jQuery



Pubblicato il 10/8/2010 alle 00:28 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Gli sviluppatori web, che realizzano applicazioni per il mobile, hanno finalmente trovato un alleato con cui sviluppare applicazioni per iPhone: jQTouch. Non sto parlando di Objective C/Cocoa ma di un potente plugin per jQuery che permette a chi ha familiarità con HTML/CSS/JavaScript di realizzare applicazioni che si presentano come “native” dell’iPhone, quindi, con grafica, animazioni e funzionalità identiche a quelle delle applicazioni native iPhone.

Per “ricreare” grafica e animazioni tipiche delle applicazioni native iPhone con HTML/CSS/JS si passerebbe obbligatoriamente per un duro lavoro di scrittura del codice mentre, con l’utilizzo di jQTouch, con poche righe di codice e un pò di Ajax si possono realizzare applicazioni identiche in tutto e per tutto a quelle native. Un notevole risparmio di tempo durante la scrittura dell’applicazione ed un vantaggio notevole: in caso di problemi con AppStore o in caso di lunghe attese per la pubblicazione dell’applicazione (o di un suo aggiornamento), è possibile predisporre l’applicazione via web trattandosi infatti di una web application!

Inoltre, realizzare un’applicazione iPhone basata su una web app, permette lo sviluppo della stessa tramite gli ide e software preferiti, non bisogna obbligatoriamente utilizzare MAC e si può utilizzare l’applicazione da qualunque dispositivo dotato di browser web.

Si, ma la pubblicazione dell’applicazione su AppStore?

Esistono strumenti di sviluppo come PhoneGap che convertono applicazioni realizzate con HTML/CSS/JS in applicazioni pronte per essere inviate ad AppStore. Non ho mai utilizzato tale strumento ma, con una veloce googlata, si può vedere che in rete se ne parla molto bene.

jQTouch è opera di David Kaneda. Sotto potete visualizzare un video che mostra il plugin e questo è il canale ufficiale Vimeo di David: davidkaneda.

Se ti interessa jQTouch e lo sviluppo di applicazioni iPhone tramite HTML/CSS/JS iscriviti al feed RSS perchè in futuro parleremo ancora di questi argomenti emawebdesign

Pubblicato in: Ajax, Apple, CSS, HTML, iPhone, jQuery, Mobile, Risorse, Video | 1 Commento »

I migliori post della settimana #78

Pubblicato il 8/8/2010 alle 12:04 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Di seguito i post più interessanti di questa settimana:

01) Fare impresa in Italia

02) Facebook Questions rilancia la sfida ai motori di ricerca

03) Css compressi

04) Come deve essere il title?

05) Flattr, micropagamenti sociali per i tuoi contenuti

Pubblicato in: Migliori post della settimana | Nessun commento »

Web Analytics: come monitorare il proprio sito web

Pubblicato il 2/8/2010 alle 15:15 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Qual’è la cosa più importante per un sito web? I contenuti? Certo, ma non dimentichiamo che anche il sito con i migliori contenuti del mondo sarebbe nulla senza un buon traffico. Il traffico, le visite ricevute, sono la cosa più importante insieme alla qualità dei contenuti.

Che tu sia un blogger, che tu abbia un sito aziendale o un e-commerce, inevitabilmente, avrai a che fare con la Web Analytics. La Web Analytics è una metodologia di analisi che permette di analizzare il traffico di un sito grazie a strumenti potenti e, spesso, gratuiti. Il più famoso e utilizzato strumento di Web Analytics gratuito è Google Analytics. Chi ha un sito web ha bisogno di valutarne l’efficacia, di analizzare gli accessi e i comportamenti dei visitatori al fine di correggere, in tempo reale, eventuali errori di comunicazione commessi.

Non sfruttare le possibilità offerte dalla Web Analytics significa non potersi rendere conto della bontà del lavoro svolto, non poter rimediare ad eventuali errori commessi e non poter pianificare strategie per migliorare la comunicazione ed incrementare il ROI. In parole povere, il successo di un sito web, passa inevitabilmente attraverso un quotidiano lavoro di analisi qualitativa degli accessi. La Web Analytics è fondamentale. Soltanto la Web Analytics può fornire risposte a domande come queste:

- Il numero di visitatori cresce/diminuisce?
- Come migliorare l’usabilità del sito?
- Come ottimizzare i contenuti del sito?
- Quali sono le keywords che rendono e/o convertono?
- Quali sono i siti attraverso i quali arrivano i visitatori?

Vediamo ora come iniziare a monitorare gli accessi emawebdesign

Strumenti come Google Analytics si basano sulla tecnica del “page tagging“. Dopo aver aperto un account, e dopo aver aggiunto il sito da monitorare, otterrai poche righe di codice JavaScript che dovrai incollare in tutte le pagine del tuo sito web. Ricorda che il codice va inserito in tutte le pagine del sito al fine di non perdere informazioni preziose poichè, i visitatori, possono raggiungere il tuo sito web dai motori di ricerca “entrando” da qualsiasi pagina, non per forza dalla home page. Una soluzione “tecnica” opportuna è quella di inserire il codice in un file a parte, automaticamente incluso in tutte le pagine del sito. In questo modo inserirai il codice una sola volta e, in caso di modifiche, modificherai una sola volta. Se il tuo sito è composto da molte pagine otterrai un bel risparmio di tempo e fatica emawebdesign

Google Caffeine e velocità di caricamento dei siti

Abbiamo già parlato di Google Caffeine e dell’importanza che ha oggi (molto più di ieri) la velocità di caricamento di un sito web come fattore per un buon posizionamento sui motori di ricerca. Avere un sito “leggero” che si carica velocemente è fondamentale per essere competitivi lato SEO. Il codice JavaScript di Google Analytics che viene incluso nelle pagine del sito, anche se molto leggero, risiede comunque su un server esterno e, tutto quello che risiede su un server esterno, ha tempi di caricamento più lunghi rispetto alle pagine del proprio sito web.

Questo ci convince che è opportuno inserire il codice di tracciamento alla fine delle pagine, subito prima della chiusura del tag body. Posizionando il codice alla fine delle pagine si risolvono eventuali problemi di rallentamento mentre vengono caricati i contenuti del sito. Soltanto quando tutti i contenuti del sito sono stati caricati viene eseguito il codice JavaScript e viene registrato il visitatore.

Sono dell’idea che la Web Analytics sia meglio “lasciarla” ai professionisti del settore, gli unici in grado di comprendere la notevole mole di informazioni restituite dagli strumenti di analisi e misurazione. Ciò non toglie che, con strumenti come Google Analytics, anche il più inesperto avrà modo di monitorare gli accessi al proprio sito e di rendersi subito conto di quello che funziona e quello che non funziona, di dove si è commesso errori e dove si è “visto giusto”. Se hai la possibilità di rivolgerti ad esperti meglio, altrimenti, non rinunciare al fai da te. La Web Analytics è fondamentale (quante volte l’ho detto? emawebdesign ) per il successo del tuo sito web emawebdesign

Pubblicato in: Google, JavaScript, Web Analytics | 3 Commenti »

I migliori post della settimana #77

Pubblicato il 1/8/2010 alle 16:07 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Di seguito i post più interessanti di questa settimana:

01) Come coinvolgere i lettori del tuo blog con Twitter

02) HTML5 accederà a microfoni e videocamere

03) Purtroppo siamo in Italia, confermo e sottoscrivo

04) Come interagite con i vostri clienti?

05) Testo alternativo sulle immagini: è obbligatorio per Flickr?

06) Modifica dei ruoli

07) Spostare la login form di WordPress nel frontend

08) Il “web sociale” che NON voglio

Pubblicato in: Migliori post della settimana | Nessun commento »

Blogging: meglio post lunghi o corti?

Pubblicato il 26/7/2010 alle 07:00 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Eterno dilemma emawebdesign

Da quando esistono i blog ci si pone in continuazione la solita domanda: meglio post lunghi o corti?

Diciamo subito che è impossibile dare una risposta certa a questa domanda. Ogni lettore ha la sua preferenza in base a quelle che sono le proprie esigenze e le proprie abitudini. Indubbiamente, il web, è una cosa completamente diversa da un libro di carta (maddai emawebdesign ): il tempo non è mai sufficiente per la lettura mentre, per cercare e “raccogliere” risorse utili e nuove informazioni, impieghiamo tutto il tempo possibile (e anche quello impossibile, almeno è così per me). Online ce ne sono di cose da fare ogni giorno:

- leggere la posta
- lavorare
- socializzare sui social network
- partecipare alle discussioni su forum e social
- ancora lavorare
- monitorare le proprie attività
- leggere di nuovo la posta
- altre attività che in questo momento non mi vengono in mente emawebdesign

In mezzo a queste miriadi di cose da fare dobbiamo trovare il tempo per tenerci aggiornati, quindi, bisogna riuscire a dedicare almeno un paio d’ore al feed reader.

Io ho nel feed reader oltre cento feed di quelli che, personalmente, ritengo il meglio dei blog italiani e non che trattano argomenti come web developing, web design, SEO, web marketing e blogging online. Se li ho reputati “degni di attenzione” non baderò alla tipologia post lungo/post corto; i post saranno indubbiamente di qualità e meriteranno sempre almeno un’occhiata. Ma quello che è altrettanto indubbio è che i post eccessivamente lunghi  li salverò nel social bookmark per leggerli quando poi riuscirò a trovare un pò di tempo libero. Cioè mai emawebdesign

I post in questione saranno, sicuramente, stati scritti con la tecnica del chunking, quindi, anche con una rapida occhiata potrò arrivare al “succo” del discorso. Questo permette di risparmiare tempo potendo selezionare le “parti” del post più interessanti. I post, invece, che si presentano come un interminabile blocco di testo senza uno straccio di spaziatura tra i vari paragrafi, verranno eliminati senza pietà. Ancora oggi, molti, scrivono in questo modo ed è superfluo dire che è un’assurdità bella e buona.

Concludendo, se il contenuto è valido, il blogger in gamba, è la scrittura dell’articolo viene effettuata nel modo giusto con la giusta formattazione, non importa se il post è lungo o corto: ci sarà sempre il modo di leggere quello che merita di essere letto.

Passando dalla parte del blogger, di chi produce il contenuto, posso dire che è ovviamente impossibile prevedere a priori la lunghezza del post. L’obiettivo è sempre e solo quello di produrre un contenuto di qualità, che sia completo ed esaustivo. Certo è che, dopo aver scritto un articolo, lo rileggo N volte in quella che definisco la fase di “controllo” prima della pubblicazione.

In questa fase, oltre a scovare ed eliminare errori e/o imperfezioni, cerco di “scovare” tutte quelle informazioni che possiamo etichettare come superflue al fine di eliminarle per poter mantenere l’articolo il più corto possibile. Se l’articolo prodotto è abbastanza lungo ma di parti “superflue” non ce ne sono, il dilemma è presto risolto: l’articolo va in pubblicazione perchè c’è differenza tra un post lungo e uno corto ma c’è una differenza ancora più grande tra un articolo che dice poco e male ed uno che fornisce informazioni di qualità, complete ed esaustive. Ma non dimentichiamo mai la grande importanza che ha la corretta formattazione del testo emawebdesign

Pubblicato in: Blog, News, Web 2.0 | 4 Commenti »

I migliori post della settimana #76

Pubblicato il 25/7/2010 alle 17:08 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Di seguito i post più interessanti di questa settimana:

01) Ebbene sì, su Facebook esistono gli Account Premium!

02) Touchscreen e accessibilità

03) Adobe, un tool di InDesign per creare app per iPad

04) Diffondere la Cultura del Digitale: il progetto Indigeni Digitali

05) Relazione tra googlebot e pagerank

06) L’Etica del Successo (quello vero) vista da Will Smith

07) Guida Zend Framework

08) Ottimizzare Joomla 1.5 per i motori di ricerca

09) 5 consigli per migliorare la tua privacy su Facebook

10) Indirizzi IP in esaurimento nel 2011

Pubblicato in: Migliori post della settimana | Nessun commento »

Short Url fai da te grazie a Yourls

Pubblicato il 19/7/2010 alle 07:00 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Negli ultimi tempi abbiamo visto nascere e affermarsi servizi di url shortening come tinyurl e bit.ly. Questi servizi permettono di convertire, con un semplice click, una url lunga in una url corta, una short url.

A cosa servono le short url?

Nell’era dei social media, gli utenti, hanno esigenza di condividere i propri contenuti ed è sicuramente più comodo utilizzare url corte piuttosto che lunghe ma, soprattutto, per servizi come Twitter dove è possibile digitare soltanto 140 caratteri per ogni aggiornamento, l’utilizzo di short url è assolutamente necessario per non sprecare il numero di caratteri a disposizione.

Per una precisa strategia aziendale o, magari, a causa di un ego gigantesco emawebdesign potreste voler utilizzare un url shortener personalizzato, installato su un vostro dominio. Io potrei utilizzare un dominio tipo ema.li (sarà libero??) emawebdesign

Per tale scopo potete utilizzare YOURLS, una serie di script PHP che vi permetteranno di mettere in piedi il vostro url shortener personalizzato su un dominio che supporti PHP, MySQL e il modulo di Apache mod rewrite. E’ scontato che dovrete registrare un dominio che sia il più corto possibile, altrimenti la cosa non avrebbe senso emawebdesign

Yourls vi darà, inoltre, la possibilità di decidere se rendere pubblico il servizio o mantenerlo privato. Mette a disposizione delle API, un bookmarklet e, soprattutto, degli strumenti di analisi per i vostri short url…la cosa più importante di tutte emawebdesign

Pubblicato in: News, PHP, Risorse, Scripts, Web 2.0, Web Analytics | Nessun commento »

I migliori post della settimana #75

Pubblicato il 18/7/2010 alle 15:07 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Di seguito i post più interessanti di questa settimana:

01) Leggere e visualizzare file XML con C# (C sharp): qualche esempio

02) Effetti CSS3 su Iexplorer – CSS3PIE

03) ROI e misurazione nei social media: l’approccio del valore dei fan di Facebook di Syncapse

04) IWA Italy Web Skills Profiles pubblica la stable release dei profili professionali del Web

05) Le magie di Facebook Graph API + Yahoo Pipes!

06) Le mail in PHP con Swift Mailer

07) Foursquare vuole diventare Twitter e viceversa?

08) Creare una dashboard in stile Mac utilizzando solo CSS3

09) Email e css, binomio impossibile?

10) Debug Tool

Pubblicato in: Migliori post della settimana | 2 Commenti »

PHP Permalink: perchè e come crearli

Pubblicato il 16/7/2010 alle 23:26 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Con l’articolo SEO: come impostare correttamente le url del proprio sito/blog? abbiamo visto come si devono impostare le url di un sito web per ottenere dei benefici lato SEO.

Oggi vediamo come realizzare un permalink utilizzando il linguaggio PHP. Un permalink è un link permanente che punta ad una pagina web (o anche a un post di un blog). Il permalink non cambia nel tempo, questo permette di identificare univocamente una risorsa sul web e, nel caso di link in entrata o citazioni, non si perderà traffico modificando il contenuto…salvo aver commesso errori di SEO Copywriting. Ma questo è un altro discorso emawebdesign

Nelle nostre web applications realizzeremo i permalink a partire da stringhe di testo. Nel caso degli articoli di un blog è opportuno trasformare in permalink il titolo stesso degli articoli. Il tutto semplicemente grazie all’utilizzo di una funzione come la seguente:

function permalink($string) {
$string = strtolower($string);
$string = preg_replace("/[^0-9A-Za-z ]/", "", $string);
$string = str_replace(" ", "-", $string);
while (strstr($string, "--")) {
$string = preg_replace("/--/", "-", $string);
		}
return($string);
}

Passiamo come parametro il titolo del post (o comunque un testo ottimizzato SEO) ed otterremo il testo correttamente formattato, pronto per essere utilizzato in un permalink. Gli spazi saranno sostituiti dal carattere – (meno), carattere consigliato per separare le parole in una url. Caratteri accentati ed apici vari verranno rimossi, ricordiamoci che un permalink è l’indirizzo di una pagina web e non tutti i caratteri sono consentiti.

Ecco perchè è utile utilizzare una funzione ad hoc emawebdesign

p.s ora tocca a te: la funzione non è perfetta…se trovi il problema segnalalo nei commenti emawebdesign

Pubblicato in: Motori di Ricerca, News, PHP, Programmazione, SEO | 14 Commenti »

Fullscreen Flash: ActionScript 3

Pubblicato il 12/7/2010 alle 08:00 - Autore: Emanuele Calì

emawebdesign

Nel mini-tutorial di oggi vedremo come impostare il fullscreen in un filmato Flash utilizzando ActionScript 3.

Nel filmato Flash, inseriamo il codice ActionScript sul primo fotogramma. Per prima cosa, dichiariamo una variabile “fullStatus” di tipo booleano. Questa variabile conterrà “true” se il filmato è in modalità “fullscreen” altrimenti “false” se è in modalità “normal“:

var fullStatus:Boolean; 
fullStatus = false;

Ora scriviamo una funzione che, in questo caso, chiameremo “changeMod“. La funzione controllerà la variabile fullStatus. Se la variabile contiene “false” la proprietà stage.displayState verrà impostata su StageDisplayState.FULL_SCREEN; se contiene “true” la proprietà verrà impostata su StageDisplayState.NORMAL:

function changeMod(e:MouseEvent):void
{

if (fullStatus==false) {
fullStatus = true;
btt.stage.displayState = StageDisplayState.FULL_SCREEN;
}
else {
	   fullStatus = false;
       btt.stage.displayState = StageDisplayState.NORMAL;
      }

}

Posizioniamo un componente “button” con nome d’istanza “btt” sullo stage e associamo la funzione changeMod all’evento MouseEvent.CLICK. Così facendo, cliccando sul pulsante, potremo attivare/disattivare il fullscreen:

btt.addEventListener(MouseEvent.CLICK, changeMod);

Ultima cosa ma importantissima: nel codice html che incorpora il filmato nella nostra pagina web non dimentichiamo di impostare il parametro “allowFullScreen” su “true“:


Qui potete vedere il filmato in azione.

Di seguito potete scaricare i files del mini-tutorial.

emawebdesign download: Flash Fullscreen AS3 (1.14MB)
added: 11/07/2010
clicks: 926
description: Come impostare il Fullscreen in Flash con ActionScript 3.

Pubblicato in: ActionScript, Flash, HTML, News, Programmazione, Scripts | 1 Commento »